Visualizzazione di tutti gli articoli in Consigli Viaggi
Feb
29
Commenti disabilitati su La scuola e le gite scolastiche

La scuola e le gite scolastiche

Author admin    Categoria Consigli Viaggi     Tags
Quando arriva la primavera scatta, per tutti gli studenti di ogni ordine e grado della scuola italiana,  inesorabilmente, il tempo per le classiche gite scolastiche. Le gite scolastiche sono diventate, con il tempo, un settore di grosso business e agenzie turistiche e Tour Operator ci si sono buttati a pesce. L’Italia si sa, da un punto di vista del turismo ha delle potenzialità incredibili. Infatti delle località molto attrezzate dal punto di vista ricettivo puntano molto a questo target. Pensiamo ad esempio a luoghi come Montecatini Terme, da tempo in crisi con il turismo termale o a Rimini e a tutta la costa romagnola, tutti desiderosi di piazzare il gran numero di camere in esubero che si trovano ad avere in primavera e in generale nelle stagioni intermedie. Certo Rimini ha dalla sua, specialmente in inverno, la grossa affluenza dovuta alla Fiera di Rimini. Leggi Tutto
Feb
27
Commenti disabilitati su Soggiorni low-cost, ma di qualità: tante case vacanza tra gli annunci gratuiti

Soggiorni low-cost, ma di qualità: tante case vacanza tra gli annunci gratuiti

Author admin    Categoria Consigli Viaggi     Tags

Nell’ultimo decennio Internet ha cambiato le abitudini dei consumatori in ogni tipo di acquisto, dai vestiti, ai beni alimentari, ai viaggi, e l’ha fatto, quasi sempre, abbattendo i prezzi delle offerte ed aggirando i tradizionali intermediari. In particolar modo, nel mondo dei viaggi, sono gli annunci gratuiti che permettono sia all’acquirente, che a chi pubblica l’annuncio, di evitare spese di troppo in ogni fase della contrattazione. Si vengono così a creare offerte in particolar modo rivolte ai viaggiatori che cercano soggiorni di qualità a prezzi contenuti. È ora in aumento costante il numero di case vacanze in affitto presenti online, con una vasta offerta che permette di trovare pernottamenti in splendide zone italiane e straniere senza doversi rivolgere ad agenzie o effettuare sopralluoghi. Se aggiungiamo che la crisi economica ha avuto un effetto di contenimento sui prezzi delle vacanze, spulciando tra gli annunci gratuiti online si riescono a trovare veri e propri affari: si parla, ad esempio, di soggiorni in splendide zone di mare in Sicilia e Puglia con prezzi a partire dai 30 euro. Leggi Tutto

Feb
24
Commenti disabilitati su Dove andare in vacanza

Dove andare in vacanza

Author admin    Categoria Consigli Viaggi     Tags

Arezzo è una città da Oscar. Potrebbe essere un’ottima scelta turistica per le vostre vacanze, perciò, se state pensando a una meta di vacanze fermatevi perché l’avete trovata.  La vita è bella di Roberto Benigni è stato girato nel suo centro storico. Arezzo è una città tutta da scoprire. Grosseto, le spiagge immerse nella Maremma, sono belle da vedere non solo in estate. Passeggiate per le vie del centro storico e la cucina maremmana vi delizierà. Siena è capace di stravolgere le vostre abitudini, regalandovi un soggiorno in tutto relax. La soluzione ideale è alloggiare in un agriturismo tra le colline dove poter gustare il vino Chianti, tra i più conosciuti e apprezzati vini del mondo. Scegliete Siena, invece, se volete approfittare dei numerosi itinerari percorribili tra cantine, uliveti e piccoli borghi in pietra. Siena è conosciuta nel mondo per il suo famoso Palio, una corsa di cavalli tra le diverse contrade di Siena che monopolizza l’attenzione della città per molti giorni, ma anche per il suo arredo urbano medievale. Leggi Tutto

Apr
30
Commenti disabilitati su Bonus Sardo Vacanza, sconti per i viaggi in Sardegna

Bonus Sardo Vacanza, sconti per i viaggi in Sardegna

Se siete interessati ad andare in vacanze in Sardegna, avrete sicuramente notato che i prezzi dei traghetti sono aumentati; non dovete preoccuparvi, infatti per tutti coloro che decideranno di trascorrere una vacanze in Sardegna, avranno diritto ad un bonus, cioè uno sconto sul prezzo dei traghetti. La notizia è stata comunicata da Luigi Crisponi, l’assessore regionale al Turismo, il quale ha spiegato che per l’estate 2011 sono previsti dei bonus per i turisti proveniente da tutta l’Unione Europea, che prevedono uno sconto che va da 60 a 90 euro per chi utilizza il trasporto navale per raggiungere la Sardegna. Leggi Tutto

Apr
1
Commenti disabilitati su Vacanza in barca a vela: cosa bisogna sapere prima di partire

Vacanza in barca a vela: cosa bisogna sapere prima di partire

Stanchi della solita vacanza? Perché non pensare ad un viaggio in barca? Immaginate di navigare lontani dalla terra ferma e di cenare sul pontile di una barca a lume di candela mentre osservate lontane le luci della costa. Spesso il luogo comune secondo cui questo tipo di vacanza è riservato ad un mercato di nicchia ci pone dei freni ma in realtà una vacanza in barca a vela non è così inaccessibile come si possa pensare. L’ideale è organizzarsi in gruppi di sei o otto persone e riservare una barca con skipper incluso.

L’Italia offre degli itinerari splendidi per questo tipo di viaggio: dalle 5 Terre alle isole Eolie, dalla Sardegna alle Tremiti. Non bisogna essere lupi di mare per regalarsi questa avventura fuori dal comune ma certamente sono richieste delle accortezze specifiche. Vediamo cosa bisogna sapere prima di salpare:

Dizionario nautico: A bordo della barca a vela c’è lo skipper ma conoscere qualche nozione nautica non guasta. Vediamo insieme i vocaboli più ricorrenti:

Albero: E una lunga asta, fatta d’acciaio o di legno. Quello principale viene chiamato ‘Maestro’.

Armare: Consiste nella preparazione della barca con tutto l’occorrente prima di salpare.

Bugliolo: E il secchio usato per raccogliere acqua direttamente dal mare per pulire la barca.

Cosa portare: Quando si viaggia in barca è indispensabile non caricare cose inutili, evitate trolley e valigie rigide.

Abbigliamento: si ai vestiti comodi e alle scarpe antiscivolo e lasciate a casa scarpe con il tacco e fate spazio in valigia per costumi e teli da mare. Non dimenticate occhiali da sole, crema protettiva e cappello. Un golf per la sera può servire, preparate una valigetta pronto soccorso: cerotti e disinfettante ma soprattutto pasticche per il mal di mare e la stipsi.

Mar
28
Commenti disabilitati su Paura di volare con un otturazione fresca ?

Paura di volare con un otturazione fresca ?

Le paure e i dubbi di chi vola sono molte ma spesso esistono anche falsi miti e luoghi comuni che creano allarmismi e preoccupazioni infondate. Chi di voi non ha mai sentito la leggenda per cui è impossibile volare se si ha un’otturazione fresca ai denti? Ma è solo un luogo comune o c’è un fondo di verità in questa credenza? Come spesso accade, la verità è probabilmente nel mezzo. I dentisti non negano che viaggiare con un’otturazione fresca può causare qualche leggero fastidio in volo a causa dell’interferenza con l’alta quota e degli sbalzi di pressione.

Molto però dipende dalla sensibilità di ognuno e dalla soglia di sopportazione del dolore. Se si teme di soffrire le pene dell’inferno in volo si può seguire da qualche giorno prima della partenza una cura a base di antidolorifico.

Contattare sempre il dentista per informazioni sui tempi e le dosi di somministrazione. Le proprietà antiinfiammatorie degli antibiotici dovrebbero contribuire a dare una sensazione di sollievo e limitare i fastidi. Se il giorno in cui avete appuntamento con il dentista siete già a conoscenza della data esatta del viaggio esprimetegli i vostri dubbi: se possibile potrà cercare di anticipare il vostro intervento in modo da non lasciarlo troppo a ridosso della partenza o quantomeno eviterà di eseguire pratiche che potrebbero arrecarvi qualche fastidio in volo.

In ogni caso non partite con l’ansia e non fatevi allarmare troppo dai post dei forum in cui le persone giurano di aver sofferto tremendamente durante il viaggio tanto da essersi rovinati le vacanze. In molti casi si avverte un leggero fastidio e niente di più.

Mar
28
Commenti disabilitati su Noleggiare un auto, come si fa?

Noleggiare un auto, come si fa?

Noleggiare un auto in vacanza un tempo era un lusso di pochi: oggi i prezzi sono decisamente più accessibili grazie anche alla concorrenza tra le diverse agenzie di noleggio. In alcuni casi, soprattutto se si viaggia per lungo tempo e in gruppi di tre o quattro persone, avere una macchina affittata diviene addirittura più conveniente che viaggiare in bus. Questo però non significa che si può contrattare in maniera sprovveduta: al contrario bisogna saper leggere tra le righe e seguire alcune accortezze onde evitare spiacevoli sorprese al momento della riconsegna del veicolo. Vediamo insieme quali sono le dritte da seguire per risparmiare nel noleggio auto ed essere al tempo stesso sicuri e garantiti.

Quanti giorni noleggiare l’auto?

Nella maggior parte dei casi le agenzie non basano il noleggio su giorni in senso stretto ma su periodi di 24 ore. Cosa significa? Che se ritirate l’auto alle 8 di mattina dovete riconsegnarla allo stesso orario altrimenti, anche per una sola ora in più, pagate un giorno di noleggio ulteriore perché sarete andati oltre le 24 ore.

Chilometraggio e assicurazione Chiedete sempre se i km inclusi sono illimitati e, in caso contrario, a quanto ammonta il prezzo aggiuntivo per i km in eccesso. Anche per l’assicurazione i contratti possono essere fuorvianti: spesso si parla di assicurazione totale ma in realtà restano dei casi esclusi.

In particolare chiedete se sono coperti l’incidente che distrugga l’auto e il parabrezza. Vale la pena aggiungere un sovrapprezzo per abbassare la franchigia. La benzina Per quanto riguarda il carburante non tutte le agenzie di noleggio si comportano alla stessa maniera: solitamente la macchina vi viene data con il pieno e va riconsegnata allo stesso modo. In caso contrario l’addebito per litro per la benzina supplementare può essere davvero salato. I danni dell’auto Controlla insieme all’addetto tutte le eventuali ammaccature della macchina al momento della consegna.

Mar
24
Commenti disabilitati su Trovare un hotel: quali servizi sono più richiesti?

Trovare un hotel: quali servizi sono più richiesti?

Scegliere un hotel comporta la valutazione di una serie di fattori: ma quali sono i parametri che guidano maggiormente le scelte di chi viaggia? Cosa non può mancare in un hotel per soddisfare chi vi alloggia?

Sicuramente tra i fattori decisivi ci sono il budget economico e l’ubicazione dell’hotel, in centro o vicino ad aeroporto o stazione a seconda dei casi, ma parlando di servizi quali sono i più richiesti? Vediamo la classifica dei viaggiatori italiani. Al primo posto non potevamo non trovare la colazione inclusa, che deve essere varia e abbondante e possibilmente servita in ambienti accoglienti e, tempo permettendo, in veranda o giardino.

E se è vero che la vacanza è relax al secondo posto non poteva che piazzarsi il servizio spa: dai trattamenti termali all’idromassaggio, dal solarium ai massaggi tutto quello che aiuta a stare meglio è un surplus ben accetto. Al terzo posto troviamo invece la previsione di servizi per i bambini, importante per le famiglie con minori al seguito. Subito dopo troviamo il wireless: che sia un viaggio di lavoro o di piacere rinunciare ad internet è ormai difficilissimo.

Al quarto posto troviamo il trasporto per e da l’aeroporto: un servizio utile soprattutto se il volo arriva ad orari scomodi. In quinta posizione viene messo il voucher per una consumazione gratuita: un dettaglio che aiuta a sentirsi coccolati. Al sesto posto gli italiani mettono il caffè: l’espresso è richiestissimo anche all’estero. Inaspettatamente dietro la disponibilità dei parcheggi: un servizio che acquista valore per gli hotel centrali delle grandi città. Ma anche la disponibilità di film e dvd gratuiti a disposizione degli ospiti può influenzare la scelta di chi viaggia.

E per finire troviamo le offerte che prevedono notti gratuite per soggiorni più lunghi. Questo tipo di promozione può rappresentare un risparmio non indifferente e accontenta molti viaggiatori. e voi?

Cosa cercate in un hotel? A cosa non potreste rinunciare neppure in vacanza?

Mar
24
Commenti disabilitati su Bagaglio a mano: cosa si può portare e cosa no

Bagaglio a mano: cosa si può portare e cosa no

Per viaggi brevi e week end viaggiare solo con il bagaglio a mano permette di risparmiare tempo ed è sicuramente una scelta pratica. Senza imbarcare valigie al check in non correte il rischio di smarrimento bagagli e, una volta atterrati, non siete costretti ad aspettare ai nastri. Ma, soprattutto in seguito alle ultime normative antiterrorismo, può comportare dei contrattempi.

Essere informati su cosa si può trasportare a bordo e cosa no è fondamentale per evitare problemi al controllo di sicurezza. Prima di tutto bisogna essere certi di rispettare il limite di peso e di dimensioni: queste condizioni variano da compagnia a compagnia quindi è sempre opportuno informarsi.

Generalmente uno zaino o un trolley di dimensioni piccole o medie dovrebbero essere accettati ma le compagnie low cost possono essere più restrittive in merito. Una borsa per le donne e il laptop o la macchina fotografica non sono solitamente compresi ma è sempre meglio controllare con la compagnia di volo. Se si viaggia con bambini piccoli è possibile imbarcare il passeggino pieghevole. Tutti gli acquisti del duty free sono ammessi.

Cosa invece è vietato in cabina?

Ovviamente le armi, di qualsiasi tipo anche se giocattolo. Sono altresì vietati oggetti in metallo o in legno considerati potenzialmente pericolosi anche se apparentemente innocui: tagliaunghie, coltellino svizzero ma anche racchettoni da spiaggia pesanti o mazze da baseball. Non si possono imbarcare sostanze infiammabili incluse bombolette spray quali ad esempio la lacca per capelli o accendini antivento. Tutti i liquidi superiori ai 100 ml sono proibiti a meno che non sono stati acquistati in aeroporto dopo il controllo di sicurezza.

Per quanto riguarda il latte nel biberon il personale al controllo può pretendere che i genitori lo assaggino. Se imbarcate medicinali in genere non ci sono problemi ma è sempre meglio portare con sé la ricetta medica, soprattutto in caso di medicine particolarmente forti o psicofarmaci. La prescrizione medica, preferibilmente anche in versione inglese, è invece d’obbligo se bisogna imbarcare una siringa di insulina. Tutti i dispositivi magnetici sono proibiti.

Non dimentichiamoci inoltre le limitazioni delle compagnie aeree low cost.Il bagaglio a mano ryanair per esempio puo’ pesare massimo 10 kg e deve avere le dimensioni previste dimensioni massime di 55cm x 40cm x 20 cm .

Bagaglio a mano EasyJet

Ogni passeggero può portare in cabina un unico bagaglio a mano di dimensioni non superiori a 56 x 45 x 25 cm.

Ogni passeggero può portare in cabina un solo bagaglio a mano di peso di dimensioni totali non superiori ai 115 cm (55 cm di lunghezza, 25 cm di altezza, 35 cm di profondità), incluse maniglia, tasca laterale e rotelle.

Mar
23
Commenti disabilitati su Vacanze Low Cost Estate 2012

Vacanze Low Cost Estate 2012

In tempi di crisi tutti alla ricerca di vacanze low cost per l’ estate 2012.I modi per poter organizzare una vacanza economica sono molti sia scegliendo una location poco costosa che un’organizzazione votata al risparmio. Tra i posti più economici dove passare le vacanze non possiamo non segnalare il sud Albania, a Saranda località di mare stupenda e pochi chilometri da Ksamil dove mare e natura la mattina la fanno da padrone per poi lasciare spazio a locali,ristoranti e qualche pub-discoteca per la serata. Leggi Tutto

Mar
13
Commenti disabilitati su Viaggiare con disabilità si può: le agevolazioni sui trasporti

Viaggiare con disabilità si può: le agevolazioni sui trasporti

Il viaggio è un’occasione per conoscere nuovi mondi, vedere paesaggi, entrare in contatto con culture diverse dalla nostra. Tutto questo deve essere alla portata di tutti, anche dei disabili. Certamente viaggiare comporta delle difficoltà di adattamento e queste possono essere amplificate per le persone con alcune deficienze fisiche o mentali ma questo non vuole dire che viaggiare per loro sia impossibile.

A questo proposito la Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea stabilisce che i soggetti disabili devono essere posti in condizione di poter viaggiare in maniera autonoma e prevede un sostegno gratuito per agevolare i loro spostamenti. Il documento si riferisce nello specifico al trasporto aereo delle persone con mobilità ridotta: la responsabilità di questo servizio di assistenza ricade sulle Società di Gestione degli aeroporti che, una volta avvertite della presenza di un disabile nella lista delle prenotazioni, devono essere in grado di accoglierlo e prestargli aiuto.

L’onere di avvertire la Società di Gestione interessata spetta al cliente stesso: il termine di preavviso minimo è di 48 ore dalla data della partenza. Una volta inviata la comunicazione il soggetto disabile ha diritto ad assistenza per l’esplicazione di tutte le formalità di check in, controllo di sicurezza e dei passaporti e usufruisce di imbarco prioritario. Se necessario sono previste sedie a rotelle gratuite per gli spostamenti all’interno dello scalo.

Le persone non vedenti accompagnate da cane guida possono salire in cabina insieme all’animale senza alcun costo aggiuntivo e indipendentemente dalla taglia di quest’ultimo. Se necessario la Compagnia aerea può però richiedere l’applicazione obbligatoria di museruola e guinzaglio. Un’assistenza analoga viene riservata ai disabili che si spostano in treno: in Italia bisogna far riferimento alle Sale Blu di Trenitalia, presenti nelle 14 maggiori stazioni del Paese. L’assistenza può essere richiesta per telefono o via email. Il termine minimo varia a seconda delle stazioni: è di un’ora prima dell’orario schedulato per la partenza del treno nel caso di collegamenti tra due stazioni centrali mentre sale a dodici ore in caso di stazioni minori e a ventiquattro per viaggi internazionali o per richieste a mezzo posta elettronica. In Italia sono più di 250 i treni attrezzati per accogliere persone con ridotta capacità motoria.

Mar
12
Commenti disabilitati su ll Jet Lag: come superare i fastidi dovuti al cambio di fuso orario

ll Jet Lag: come superare i fastidi dovuti al cambio di fuso orario

Fare dei viaggi internazionali molto lunghi provoca fastidi e difficoltà di adattamento: intuitivamente si percepiscono queste situazioni che tecnicamente costituiscono il jet lag. Se ne parla molto ma cos’è esattamente e da cosa dipende?

Con questo termine si indicano generalmente tutti i disturbi legati al fuso orario. Il nostro corpo infatti, così come i cambiamenti in natura, ad esempio le stagioni e l’alternarsi del giorno e la notte, segue dei cicli: cambi repentini di tali condizioni provocano dei fastidi. Quando si parla di jet lag è perché il nostro corpo reagisce al brusco cambiamento dei suoi ritmi fisiologici. L’ipotalamo è l’organo centrale del sistema nervoso adibito al regolamento dei nostri ritmi quotidiani, dei tempi scanditi per mangiare, dormire etc.

Vengono poi distinti il ritmo cardiaco, quello respiratorio, il ritmo circa lunare, quello circannuale e quello circasettano. I sintomi maggiori del jet lag sono insonnia, nausea, inappetenza, emicrania, nervosismo, problemi digestivi, stanchezza e difficoltà di concentrazione. Insomma tutte conseguenze che rischiano di rovinare i primi giorni di vacanza. Ma come combattere il jet lag? Prima di tutto esistono degli accorgimenti da attuare a partire da qualche giorno prima del viaggio per prevenire i fastidi. Se la destinazione del vostro viaggio è verso Occidente già da alcune sere prima della partenza cercate di andare a dormire un po’ più tardi e di posticipare l’orario di risveglio.

Se invece andate verso Oriente dovete fare esattamente il contrario. Spostate in avanti o indietro a seconda dei casi i pasti di almeno un’ora. Quando scegliete il volo non trascurate l’orario di partenza: se andate ad ovest cercate di decollare di sera, se vi spostate verso est partite se possibile di mattina. Durante il volo consumate cibi leggeri ed evitate sostanze eccitanti come la caffeina. Bevete invece molta acqua per mantenere la giusta idratazione. Durante il volo alzatevi di tanto in tanto per favorire la circolazione.

Una volta atterrati cercate di adattarvi il prima possibile all’ora locale: se arrivate nel pomeriggio non andate subito a dormire. Insomma evitate di scambiare il giorno con la notte. Se riscontrate difficoltà ad adattarvi ai nuovi ritmi assumete melatonina: è l’ormone che regola l’alternarsi di sonno e sveglia. Sconsigliati invece i sonniferi, a meno che non siano assunti dietro prescrizione medica e solo se davvero necessari.